Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

C-Lab cerca gli imprenditori del futuro: candidature entro il 10/1/22

21 Dicembre, 2021

È stato pubblicato il bando per selezionare i 30 studenti di UniTS desiderosi di accedere al coworking del Contamination Lab per sviluppare un progetto imprenditoriale.

Il C-Lab è il punto di riferimento per studenti intraprendenti, nel quale è possibile trovare supporto sia in termini di creazione di impresa che di aumento delle potenzialità di occupabilità nelle future professioni.

Allo stesso tempo il C-LAB rappresenta per l’Ateneo un aggregatore di percorsi innovativi di didattica e supporto alla creazione di startup, offrendo agli studenti mentoring, spazi, corsi di formazione e incontri aziendali con importanti realtà del territorio, nazionali e internazionali.

I candidati dovranno presentare la domanda scrivendo a clab@units.it entro il termine del 10 gennaio 2022.

La domanda dovrà contenere: 

  • il modulo di richiesta (scaricabile dalla pagina web www.units.it/clab
  • una copia di un documento di identità in corso di validità 
  • il curriculum vitae 
  • un video pitch di presentazione del progetto (o dell’idea di progetto imprenditoriale innovativo) di 3 minuti (per ragioni di gestione del volume dei files video, è consigliato condividere l’URL della pagina dalla quale è possibile scaricare il video)

Per informazioni consultare il BANDO

Nel frattempo, nella cornice dell'ex Ospedale Militare, sono state premiate con un viaggio studio in un centro di innovazione (in via di definizione) anche le migliori idee imprenditoriali e di business planning dell'edizione 2020/21 del C-Lab

Hanno partecipato all'evento il Rettore dell’Università di Trieste Roberto Di Lenarda, il delegato per il Trasferimento tecnologico e rapporti con le imprese Rodolfo Taccani, Ivano Movio e Marino Firmani, rispettivamente Presidente e Responsabile della Commissione Progetti del Rotary Club Lignano Tagliamento. Testimonial d’eccezione Daniele Cavaliero, capitano dell’Allianz Pallacanestro Trieste.

Questi i vincitori:

I classificato: Mariapaola Imbesi, Second Life

Il progetto prevede la realizzazione di una app e un hub virtuale in cui i cittadini possano vendere, comprare e richiedere oggetti destinati allo smaltimento. Il sistema darà seconda vita a merci di varia natura attraverso il riciclo, il recupero delle singole materie prime, il ricondizionamento e il mercato del second hand.

Obiettivi impliciti del progetto sono la creazione di sistemi di collaborazione fra gli artigiani locali, l’inserimento di nuovi soggetti nel mondo del lavoro e la sensibilizzazione della comunità al tema della sostenibilità ambientale. Nel lungo periodo è prevista la realizzazione di un centro fisico di recupero dei rifiuti.

II classificato: Federico Calandra, Piattaforma per gruppi d’acquisto

L’idea è realizzare una piattaforma web che favorisca le dinamiche di “gruppo d’acquisto” con una differenza cruciale rispetto a realtà già presenti ad esempio nell’agroalimentare: quella di unire consumatori, commercianti e grossisti attraverso logiche da social network.

I consumatori finali otterrebbero prezzi convenienti, i commercianti potrebbero vendere o comprare stock di merce unendosi ad altri commercianti o consumatori, i grossisti/fornitori incrementerebbero la platea clienti e volume d’affari.

III classificato: Dario Vucinic, E Yachts

Il progetto è la realizzazione di imbarcazioni da diporto ecosostenibili che coniughino le peculiarità delle barche a vela con le caratteristiche dei motoryacht. Attraverso moduli fotovoltaici installati sul tetto, gli E Yachts autoprodurrebbero l’energia elettrica sufficiente per le utenze di bordo e per la ricarica delle batterie.

Questa caratteristica, unita all’utilizzo di materiali sostenibili e a un design performante, ridurrebbe l’impatto ambientale delle imbarcazioni al minimo.

Premiati nell'occasione anche i vincitori della Business Plan Competition “Insieme per il Blue Growth”

Imbarcazioni da diporto ecosostenibili, lotta allo spreco e impulso all’economia circolare nelle città “di mare”, un modo nuovo per vivere e valorizzare le pescherie e il turismo delle bellezze costiere del Friuli Venezia Giulia: sono i temi dei progetti vincitori della competition lanciata a giugno 2021 dall’Università di Trieste e dal Rotary Club Lignano Tagliamento.

Un’iniziativa che ha offerto ai partecipanti alla fase finale un percorso di formazione imprenditoriale, avvalendosi di professionisti dei due enti promotori e in particolare dei servizi di C-Lab (ContaminationLab), lo spazio UniTS dedicato all’avviamento al mondo dei business.

Questi i vincitori:

I classificato (3.000 Euro): Samuele Maria Semi, E-ITTICO

L’idea è la creazione di un sito di ricette tradizionali, locali e stagionali a base di pesce che si traducono automaticamente in “ordini della spesa” nelle pescherie locali. Gli utenti troverebbero quindi dal loro rivenditore di fiducia tutti gli ingredienti appena pescati per realizzare il piatto scelto. In base alla disponibilità delle pescherie, potrebbe essere possibile ritirare il piatto già pronto, oppure consumarlo direttamente dal pescivendolo di fiducia. Il progetto vuole unire la praticità dell’online con il piacere di recarsi ad acquistare e consumare pesce fresco nelle realtà locali.

II classificato (2.000 Euro): Matteo Gamba, Audace Blue Growth

Un progetto multidisciplinare che vuole mettere a frutto le competenze maturate dal team di studenti e velisti di UniTS “Audace Saling Team”, vincitore dell’ultima edizione della regata “1001 Vela Cup”. Entro il 2024 sarà lanciata la startup “Audace Composites” per lo sviluppo di materiali compositi ecosostenibili per la nautica, una risposta concreta ai problemi di smaltimento della tradizionale vetroresina. La nuova realtà imprenditoriale partirà al termine di un percorso che prevede la realizzazione di imbarcazioni - test per i nuovi materiali da lanciare sul mercato. I prototipi gareggeranno in regate nazionali di

categoria. Obiettivo complementare del progetto sarà anche la formazione degli studenti nella gestione di un team sportivo professionale. Previsto anche il lancio di una regata simile a “1001 Vela Cup” nella città di Trieste, in collaborazione con Barcolana e i circoli velici locali, durante la quale i ragazzi potranno mettere alla prova le competenze acquisite.

III classificati, a parimerito (1.000 Euro):

Anna Lilian Gardossi, Turismo innovativo

Si tratta di un sistema online di ideazione di pacchetti turistici green personalizzati, per singoli e gruppi, in località marine del territorio.

La rete cui il sistema farà riferimento raccoglierà alberghi, pensioni, campeggi e altre strutture ricettive locali che si distinguono per l’elevata sostenibilità ambientale. Il sistema offrirà quindi itinerari che valorizzeranno aspetti naturalistici, storici e gastronomici abbinandoli automaticamente agli interessi personali dei clienti.

Mariapaola Imbesi, Second Life

Secondo riconoscimento per la vincitrice del C-Lab 2020/21