Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Scarica l'app Immuni

10 Settembre, 2020

 

La CRUI - Conferenza dei Rettori Italiani, sostiene la diffusione nelle Università dell'adesione alla app Immuni (tracciamento dei contagi).  Il Ministero della Salute e la Presidenza del Consiglio hanno avviato un'ampia campagna di comunicazione e chiedono, anche alle università, una fattiva collaborazione per raggiungere le comunità accademiche (studenti, docenti, personale tecnico-amministrativo) nonché gli stakeholder che interagiscono regolarmente con gli atenei.

Immuni è un’app creata per aiutarci a combattere le epidemie, a partire da quella del Covid-19.

Grazie anche alla funzionalità di contact tracing, quando un utente scopre di essere positivo al virus, Immuni gli consente di allertare in modo anonimo le persone con cui è stato a stretto contatto e che potrebbe quindi aver contagiato. Venendo informate tempestivamente (potenzialmente ancor prima di sviluppare i sintomi del Covid-19), queste persone possono contattare il loro medico di medicina generale per approfondire la loro situazione clinica. Possono inoltre evitare di contagiare altri, contribuendo a ridurre la diffusione del coronavirus.

Immuni avverte gli utenti che sono stati a stretto contatto con una persona risultata poi positiva inviando loro un messaggio di allerta che include una serie di consigli su come affrontare la situazione.

Immuni riesce a determinare che è avvenuto un contatto a rischio fra due utenti senza sapere chi siano i due utenti o dove si siano incontrati. L’app non raccoglie dati che permettono di risalire all’identità di chi la usa. Non chiede, né è in grado di ottenere, dati sensibili come nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo e-mail. Inoltre, per determinare il contatto, Immuni sfrutta la tecnologia Bluetooth Low Energy e non utilizza dati di geolocalizzazione di alcun genere, inclusi quelli del GPS.

I codici sono generati casualmente e non contengono alcuna informazione sul dispositivo o l’utente. Inoltre, cambiano diverse volte ogni ora, in modo da proteggere ulteriormente la privacy. Non è in alcun modo possibile risalire all’identità dell’utente a partire dai suoi codici casuali.

Immuni scarica periodicamente i codici casuali condivisi dagli utenti che sono risultati positivi al virus. Così facendo si può controllare se c’è una corrispondenza tra questi codici e quelli registrati nei giorni precedenti. 

Per saperne di più e accedere a Immuni:
Link al sito: http://immuni.italia.it
Link diretto al download: https://www.immuni.italia.it/download.html
Domande Frequenti: https://www.immuni.italia.it/faq.html