Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Pubblicato uno studio su Covid-19 in un Ospedale di ricerca materno infantile

24 Aprile, 2020

 

Il titolo dello studio è il seguente: COVID-19 experience: first Italian survey on healthcare staff members from a Mother-Child Research Hospital using combined molecular and rapid immunoassays test
Lo studio rappresenta la prima indagine italiana per la valutazione dello stato immunitario verso COVID-19  su personale sanitario, personale in formazione UNITS, ed amministrativi dipendenti dell' ospedale materno-infantile, presso l' IRCCS  Burlo Garofolo, di Trieste , attraverso il  monitoraggio congiunto anticorpi e presenza del virus.

Coordinamento:  SSD laboratorio avanzato di microbiologia traslazionale UNITS-BURLO

Abstract:
La rapida diffusione del nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) è diventata una
minaccia globale che colpisce il fragile sistema sanitario mondiale. In
Italia, c'è una continua crescita esponenziale di COVID-19 di casi e decessi
che richiede misure di controllo per la corretta gestione dell'emergenza
epidemiologica. Per contribuire ad aumentare le conoscenze generali su
COVID-19, sono richiesti test sistematici nella popolazione generale.

Qui descriviamo il primo sondaggio italiano condotto su 727 dipendenti
appartenenti a un ospedale madre-bambino testato sia per i tamponi virali
(rinofaringei e orofaringei) sia per la presenza di anticorpi. Gli individui
sono stati divisi in tre categorie di rischio (alta, media e bassa) in base
alla loro attività lavorativa. Solo un soggetto è risultato positivo al test
del tampone mentre il 17,2% della coorte era positivo per la presenza di
anticorpi. I risultati hanno evidenziato che la presenza di anticorpi
positivi / borderline è significativamente associata all'occupazione ad alta
e media esposizione al rischio (valore p = 0,026) nonché ai sintomi del
raffreddore e della congiuntivite (valore p = 0,016 e 0,042
rispettivamente). Inoltre, tra gli operatori sanitari, la categoria dei
medici è emersa come un fattore di rischio significativo per la presenza di
anticorpi contro SARS-CoV-2 (valore p = 0,0127). Infine, abbiamo rilevato
una rapida diminuzione dell'intensità dell'anticorpo tra due valutazioni
eseguite in un periodo molto breve (valore p = 0,009).

Per informazioni:
Prof.ssa Manola Comar
SSD of Advanced Translational Microbiology
IRCCS "Burlo Garofolo"
DMS University of Trieste
via dell'Istria 65/1-34100 Trieste, Italy
phone: +39-040-3785527
 

Download: