Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Patrocinio all'FVG Pride

21 Marzo, 2019

L’Università degli Studi di Trieste ha concesso, con delibera del Senato Accademico, il patrocinio al FVG Pride per le celebrazioni del 2019, a 50 anni dai moti di Stonewell, con manifestazioni diffuse ed eventi come mostre, rassegne cinematografiche, presentazioni di libri, dibattiti, concerti e performance artistiche in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA, che si svolgeranno nella regione Friuli Venezia Giulia e si concluderanno con l’evento finale previsto a Trieste l’8 giugno 2019.

La delibera richiama l’art. 3 della Costituzione italiana:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

Richiama inoltre gli articoli 1 e 2 dello Statuto dell’Ateneo di Trieste:

Art. 1.1 L'Università degli Studi di Trieste (…) è un'istituzione pubblica di alta cultura, laica, pluralista e indipendente da ogni orientamento ideologico, religioso, politico ed economico, in conformità ai principi della Costituzione della Repubblica e agli impegni internazionali assunti dall'Italia in materia di ricerca scientifica e di formazione universitaria.”

“Art. 2.3 L’Università garantisce, nel quadro delle proprie competenze, la dignità e il rispetto dei diritti fondamentali della persona, l’eguaglianza nelle opportunità e la valorizzazione delle differenze; promuove una cultura di pace; si impegna a prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione. A tal fine, istituisce il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni.”

Il patrocinio dell’evento è coerente con la missione dell’Università di Trieste, così come delineata nello Statuto, ed esprime una piena adesione ai principi costituzionali. L’Ateneo sottolinea gli aspetti culturali e l’impegno profuso dagli organizzatori per l’inclusione di tutti nelle manifestazioni dell’evento, auspica che si moltiplichino i momenti di dibattito, confronto e approfondimento, da condursi con toni pacati, e che tutti siano animati da spirito sereno.