Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

La solitudine del malato nei luoghi della cura

Data evento: 
Da  28/11/202228/11/2022

Lunedì 28 novembre 2022, dalle ore 16, nell'Aula Magna di via Baciocchi 4, si terrà il seminario dal titolo "Gli affetti non si possono portare in ospedale, se invece si potesse sarebbe meglio. La solitudine del malato nei luoghi della cura".

L’incontro, a ingresso libero, intende promuovere una riflessione multidisciplinare sul tema della solitudine che può affliggere persone accolte in strutture cliniche e assistenziali a causa di un problema di salute.

Gli esperti si confronteranno e discuteranno con il pubblico sul tema della centralità della relazione interpersonale nei contesti di cura, un tema dalle complesse implicazioni cliniche, etiche, morali e organizzative, che coinvolge i professionisti della salute, i malati e i loro familiari. A chi appartiene la malattia? La persona è davvero al centro del percorso di cura? Quali spazi e quali tempi per la relazione nei tempi e negli spazi della cura?

L'evento rientra nel percorso di avvicinamento al Corso di Aggiornamento Professionale in “Health Humanities: cultura umanistica per le scienze della salute e le pratiche della cura”, di cui sono aperte le iscrizioni fino al 7 dicembre 2022.

Il Corso, promosso dal  Dipartimento di Studi Umanistici e del Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute, è articolato in 5 moduli ed è in fase di accreditamento ECM: la partecipazione a tutti i moduli riconoscerà l'attribuzione di almeno 60 crediti formativi ECM e l’acquisizione di 15 CFU.

L'Università di Trieste è tra i primi Atenei italiani a offrire una formazione sulle Health Humanities, ambito di ricerca e di pratiche interdisciplinari in cui la creatività e le prospettive critiche degli studi umanistici si intrecciano con un approccio olistico all'assistenza, alla salute e al benessere.

Ulteriori informazioni sull'evento del 28 novembre sono disponibili nel PROGRAMMA