Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

La sezione INFN di Trieste compie 50 anni

20 Aprile, 2022

La Sezione INFN di Trieste festeggia il cinquantesimo anno di attività ripercorrendo le tappe della sua storia e dei suoi protagonisti. La Sezione, nata nel 1958 come Sottosezione di Padova, diventa ufficialmente Sezione di Trieste il 21 aprile 1972 assieme alle Sezioni di Bari, Firenze e Pavia che dunque festeggiano il loro anniversario nella stessa data. A Trieste l’evento si svolgerà nel pomeriggio del 21 aprile al Dipartimento di Fisica di UniTS che storicamente ospita i locali della Sezione di Trieste, e vedrà la partecipazione del Presidente INFN, Antonio Zoccoli.

Il programma si aprirà con il benvenuto di Rinaldo Rui, Direttore della Sezione INFN di Trieste, e di Giovanni Comelli, Direttore del Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Trieste. A seguire, gli interventi di Roberto Di Lenarda, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste, di Maurizio De Blasio, Assessore del Comune di Trieste e di Alessia Rosolen, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia del Friuli Venezia Giulia.

PROGRAMMA COMPLETO

La prima parte dell’evento sarà in streaming sul canale YouTube dell’INFN e vedrà coinvolti anche i Direttori delle altre Sezioni con cui Trieste condivide questo importante anniversario. In seguito, le celebrazioni continueranno localmente con alcuni interventi di fisici della Sezione e del Gruppo Collegato di Udine: dalla nascita della Sezione raccontata dal suo primo Direttore,  Luciano Bertocchi, fino alla presentazione di alcune delle attività di ricerca attualmente in essere o in fase di progettazione.

L’attività di ricerca nel campo dello sviluppo di nuovi rivelatori sarà presentata da Silvia Dalla Torre, che sottolinea: “Lo sviluppo e la costruzione di rivelatori di particelle ionizzanti sono da sempre caratteristiche della fisica nucleare e subnucleare e ne hanno permesso il progresso scientifico. Questo entusiasmo realizzativo ha caratterizzato la vita della Sezione INFN di Trieste sin dai suoi esordi e ha permesso al suo personale di ricerca di fornire apprezzati contributi essenziali a progetti scientifici in tutto il mondo, progetti a cui i ricercatori di Trieste hanno collaborato.” Al Gruppo Collegato di Udine afferiscono anche alcuni fisici dell’Università degli Studi di Udine, tra cui Marina Cobal che presenterà uno dei futuri acceleratori di particelle, il “Future Circular Collider”, in cui è attivamente coinvolta.

Il Direttore Rui commenta: “Questo cinquantesimo compleanno, celebrato in quattro diverse Sezioni, ha un significato particolare: l’INFN deve i grandi successi nel campo della ricerca anche al fatto di avere le proprie Sezioni sparse nel territorio nazionale, in stretta collaborazione ed in sinergia con i Dipartimenti di Fisica delle Università”.

La cerimonia si inserisce nell'ambito delle celebrazioni in onore dei 70 anni dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare iniziate a Roma il 29 settembre 2021 e che proseguiranno anche nei prossimi mesi con iniziative in tutta Italia (70.infn.it)