Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Il Rettore Di Lenarda all’inaugurazione del nuovo ambulatorio di odontostomatologia della Casa Circondariale di Gorizia

10 Giugno, 2021

Il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste, Roberto Di Lenarda, ha partecipato oggi all’inaugurazione del nuovo ambulatorio di odontostomatologia all’interno della Casa Circondariale di Gorizia, alla presenza del Sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, del Direttore Generale di ASUGI, Antonio Poggiana, del Direttore della Casa Circondariale di Gorizia, Alberto Quagliotto, del Direttore della SC di Chirurgia Maxillo-Facciale e odontostomatologia ASUGI e del Direttore della SOSD di Odontostomatologia di Gorizia, Daniele Angerame.

Il progetto conclude un iter di alcuni anni d’interessamento e lavoro per la dotazione e messa a norma degli ambulatori carcerari in Friuli Venezia Giulia e s’inserisce nel più ampio progetto regionale dell'Odontoiatria Pubblica, coordinato dal Prof. Roberto Di Lenarda.

La nuova struttura odontostomatologica farà funzionalmente parte dell’Odontostomatologia di Gorizia, come già di recente il nuovo Ambulatorio di Monfalcone, afferendo al progetto regionale di Odontoiatria Pubblica.

L’allestimento del nuovo ambulatorio, dotato di attrezzature e dispositivi di moderna concezione, consentirà ai detenuti di ricevere le cure urgenti e non direttamente all’interno della Casa Circondariale, evitando di ricorrere a trasferimenti presso la SOSD di Odontostomatologia dell’Ospedale di Gorizia, che arrecano disagio organizzativo alla struttura, ai pazienti - soprattutto bambini e disabili - e al Ministero di Giustizia, a causa delle spese di trasferta di detenuti e polizia penitenziaria. A turno gli operatori medici della SOSD svolgeranno l’attività ambulatoriale nella nuova struttura, con cadenza definita.

La realizzazione dei lavori è stata possibile grazie ai fondi deliberati, sulla base di uno specifico progetto operativo della Regione FVG e all’interessamento del Direttore Generale di ASUGI, Antonio Poggiana.