Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Il gruppo MolBNL@UniTS del DIA su NATURE

15 Aprile, 2019

Il gruppo MolBNL@UniTS del DIA su NATURE con un progetto internazionale in collaborazione con KAUST

La molecola alla base della vita, ovvero il DNA, è soggetto a continue interazioni con miriadi di composti (detti intercalanti) che, inserendosi tra le coppie di basi che ne formano la famosa doppia elica, inducono modifiche sia dirette che indirette alla sua struttura. Questo, a sua volta, si riflette sulle fondamentali proprietà e funzioni che il DNA esercita a livello cellulare.

La comprensione del meccanismo alla base del cambiamento delle proprietà strutturali, meccaniche e di attività biologica del DNA indotte dalla presenza di intercalanti di diversa natura è l’oggetto lavoro scientifico che i ricercatori del Molecular Biology and Nanotechnology Laboratory (MolBNL@UniTS) - Erik Laurini, Domenico Marson e Sabrina Pricl - hanno appena pubblicato, assieme ai colleghi della KAUST e del Politecnico di Torino, sulla prestigiosa rivista Nature Communications.

I risultati presentati nel lavoro hanno due valenze pratiche immediate nei settori cruciali della nanomedicina e dell’ambiente. In particolare, attraverso le tecniche sviluppate durante questa ricerca sarà possibile effettuare studi volti alla somministrazione ottimizzata e personalizzata di farmaci chemioterapici in campo oncologico nonché ad indagini ambientali di epidemiologia relative agli effetti provocati dalla presenza di metalli pesanti nel DNA di specie sia animai che vegetali.

La ricerca pubblicata su Nature Communications costituisce uno dei principali argomenti di studio di un progetto finanziato a livello internazionale che coinvolge i ricercatori del MolBNL@UniTS - attivo presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Ateneo e di cui fa parte anche l’attuale Magnifico Rettore Maurizio Fermeglia - e la King Abdullah University of Science and Technology (KAUST), in Arabia Saudita. Tale progetto è il primo in assoluto a sancire la collaborazione, fortemente auspicata dal Magnifico Rettore nell’ambito dell’ottica premiante di internazionalizzazione di UniTS, tra le due Università.

Nanomechanical DNA resonators for sensing and structural analysis of DNA-ligand complexes

Stefano Stassi, Monica Marini, Marco Allione, Sergei Lopatin, Domenico Marson, Erik Laurini, Sabrina Pricl, Candido Fabrizio Pirri, Carlo Ricciardi, Enzo Di Fabrizio

Nature Communications volume 10, Article number: 1690 (2019), published April 12, 2019

https://www.nature.com/articles/s41467-019-09612-0#MOESM7