Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Il Dipartimento di Fisica di UniTS su Nature con una sfida alla meccanica quantistica: i Modelli di collasso

17 Febbraio, 2022

Sotto la guida di Angelo Bassi dell’Università di Trieste, un gruppo di scienziati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), della Queen’s University di Belfast e dell’Università di Southampton hanno pubblicato su Nature Physics "Present status and future challenges of non-interferometric tests of collapse models".

L’articolo rappresenta un ulteriore passo avanti nello studio dei modelli di collasso della funzione d’onda quantistica. Il team di fisici, oltre a una dettagliata overview dei modelli applicati ad esperimenti che vanno dai singoli atomi fino alla cosmologia, discute le sfide tecniche che gli esperimenti futuri dovranno affrontare, tracciandone le possibili frontiere.

Ma cosa sono i modelli di collasso?

Innumerevoli esperimenti hanno verificato la validità della meccanica quantistica a livello di singoli atomi e molecole mentre la sua applicazione su scala macroscopica pone problemi, come testimoniato dal paradosso del gatto di Schrödinger.

Nella nostra vita quotidiana non percepiamo la “sovrapposizione quantistica”, ovvero la possibilità che un singolo fenomeno si presenti in due configurazioni diverse contemporaneamente. Ciò significa che, da qualche parte tra la scala dei singoli atomi e la nostra, tale sovrapposizione si degrada progressivamente.

I modelli di collasso descrivono precisamente questo effetto e rappresentano una grande sfida all’universalità della meccanica quantistica. Per questo il loro studio è fondamentale per comprenderne i limiti.

Con questo nuovo articolo il Dipartimento di Fisica dell’Università di Trieste si conferma leader in Europa in questo campo.

LEGGI L'ARTICOLO