Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

I robot e noi

Data evento: 
Da  15/11/201615/11/2016

Conversazione con Giuseppe O. Longo
Martedì 15 novembre, Sala Veruda di Palazzo Costanzi, Piazza Piccola 2, Trieste, ore 18.30

Nell'ambito della mostra internazionale Arte/Scienza/Tecnologia - LA ROBOTICA, promossa dal Gruppo78, martedì 15 novembre si terrà presso la Sala Veruda di Palazzo Costanzi a Trieste, a partire dalle 18.30, una conversazione con Giuseppe O. Longo, Professore Emerito di Teoria dell’informazione all’Università di Trieste, sul tema Robots e noi, divagazioni nella dimensione post-umana.

Da secoli l’uomo ha tentato di imitare l’opera divina della creazione costruendo l’uomo artificiale, prima sotto forma di automa e poi, dopo l’avvento del computer e dell’intelligenza artificiale, sotto forma di robot. Per quanto offra solo una imitazione parziale delle facoltà cognitive dell’uomo, il computer è la macchina che più si avvicina alla nostra intelligenza. Il robot si ottiene dotando il computer di un corpo artificiale, fornito di sensi e di attuatori che gli consentono di interagire con l’ambiente. Oggi i robot ci assistono in moltissime attività e ad essi deleghiamo compiti sempre più delicati e importanti. Come l’intelligenza artificiale ci ha fatto scoprire molte cose sulla nostra intelligenza, così il robot ci sta facendo scoprire, per analogia e differenza, molte cose su di noi e ci consente di approfondire certi temi, come le emozioni e la coscienza, indagandoli, per così dire, per via sperimentale e tentandone un’attuazione artificiale.