Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Caffè delle Scienze e delle Lettere

Data evento: 
Da  26/04/201826/04/2018

Giovedì 26 aprile 2018 nuovo appuntamento con il Caffè delle Scienze e delle Lettere

Caffè Tommaseo, piazza Tommaseo 4/c, ore 17.30

Giovedì 26 aprile, Chiara Manfrin, assegnista di ricerca dell’Università degli Studi di Trieste, parlerà di “Specie invasive e loro effetti sull’ambiente”. Con “specie invasive” si indicano quegli organismi, animali e vegetali, che provengono da aree diverse da quelle in cui si insediano e che, una volta insediati, rappresentano una minaccia per l’ecosistema in cui si stabiliscono. Nel corso di questo incontro parleremo di come questi organismi giungono nei nuovi ambienti e dei danni che causano. La presentazione comprenderà molti esempi e aiuterà a scoprire quali tra le specie che credevamo essere locali, e a cui siamo abituati, provengono in realtà da molto lontano.

Michele Rebesco, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, parlerà di "Come sta cambiando il clima nell’Artico". Nella storia geologica del nostro pianeta si sono alternati periodi caldi e glaciali e la tendenza è quella di un generale graduale raffreddamento. Alla scala di osservazione dell’uomo stiamo invece vivendo un progressivo riscaldamento globale. I fattori del cambiamento climatico sono molteplici e intercorrelati e per prevedere gli scenari climatici futuri occorre analizzare gli indicatori indiretti del clima del passato. Le proiezioni per gli scenari futuri sono preoccupanti, specialmente in Artico, che si sta scaldando da due a tre volte più velocemente della media globale, e ci si aspetta che si scaldi più di qualsiasi altra zona del pianeta.

Relatori/Relatrici

Chiara Manfrin, si laurea in Biologia ambientale presso l’Università di Ferrara e consegue la laurea specialistica in Biologia marina presso l’ateneo triestino, laureandosi a pieni voti. Sempre a Trieste, consegue il Dottorato di ricerca lavorando sull’identificazione dei trascritti espressi nel mitilo a seguito di esposizioni ad alghe produttrici di tossine. Come assegnista di ricerca lavora presso l’Università di Trieste sull’immunità, lo stress e i meccanismi endocrinologici di varie specie di invertebrati acquatici, utilizzando metodi molecolari e di analisi bioinformatica. Si occupa di specie invasive dal 2011, studiando la messa a punto di nuovi metodi di eradicazione per crostacei decapodi. Ha condotto alcune ricerche in Olanda e negli Stati Uniti, a Baltimora. Quest’ultima esperienza è stata supportata dal premio “Donato Matassino” per la miglior tesi di dottorato del 2012 nel campo della genetica applicata alla zootecnia, e consegnato dall’Accademia dei Georgofili di Firenze. È autrice di una trentina di articoli scientifici e ha presentato più di 40 lavori a conferenze scientifiche internazionali.

Michele Rebesco è ricercatore OGS dal 1996. Ha una laurea in Scienze Geologiche (Università di Parma) conquistata sul terreno: sui monti a nord di Verona. Ha un dottorato in Scienze della Terra guadagnato in mare in Antartide. A bordo di OGS Explora e altre navi di ricerca straniere ha già partecipato a sei spedizioni scientifiche nei mari attorno l’Antartide e due in Artico. Studia le variazioni delle calotte glaciali e la circolazione oceanica nel passato come chiave di interpretazione degli scenari climatici futuri. Gli studi sono basati sui sedimenti scavati dai ghiacciai polari trasportati in mare profondo e ridistribuiti dalle correnti oceaniche che attraversano il pianeta. È autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali e da diversi anni è caporedattore della rivista “Marine Geology”.

I Caffè delle Scienze e delle Lettere, che l’Università degli Studi di Trieste organizza da quindici anni con il supporto del Dipartimento di Scienze della Vita, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica sperimentale (OGS), sono aperti alle discipline umanistiche, giuridiche, sociali ed economiche coordinati dal Dipartimento di Studi Umanistici. Conversazioni informali tra ricercatori, ricercatrici e pubblico hanno per oggetto gli argomenti scientifici più diversi. La cornice è fornita dai caffè storici di Trieste: il Caffè San Marco e il Caffè Tommaseo. L’obiettivo è quello di continuare e rafforzare il dialogo tra l’Università e la cittadinanza, confermando l’attenzione dell’Ateneo per la divulgazione scientifica.

 

Per informazioni e aggiornamenti, e per consultare il calendario dei prossimi appuntamenti: www.caffedellescienze.eu

Università degli Studi di Trieste

Dipartimento di Scienze della Vita

avian@units.it

battagli@units.it

Dipartimento di Studi Umanistici

quazzolo@units.it

Il Caffè delle Scienze e delle Lettere si può seguire anche sui canali Twitter e Facebook.

 

Download: