Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

All’Università di Trieste 3 milioni e 350 mila euro di fondi Prin per la ricerca scientifica

08 Maggio, 2019

All’Università di Trieste 3 milioni e 350 mila euro di fondi Prin per la ricerca scientifica

L’Università di Trieste mette a segno un risultato estremamente positivo grazie al successo, nella selezione ministeriale, di ben 27 suoi progetti di ricerca, di cui 4 valorizzati dal coordinamento nazionale, e finanziati per un ammontare complessivo di ben 3 milioni e 350 mila euro, grazie al Programma Prin 2017 del Miur.

Si tratta, infatti, di finanziamenti del Ministero dell’Istruzione ed Università, destinati ai Programmi di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale (P.r.i.n.) che coprono i molti ambiti di ricerca svolti nel nostro ateneo, i progetti di UniTs selezionati si riferiscono effettivamente a tutti i settori ERC  (European Research Council) spaziando dalla biologia alla chimica, dall'ingegneria alle scienze geologiche, dalle scienze umanistiche all'economia, ecc.

Il Rettore dell’Università di Trieste, prof. Maurizio Fermeglia, preso atto dei brillanti risultati della selezione nazionale dei progetti di ricerca, si è complimentato con i numerosi colleghi vincitori della selezione, ed ha dichiarato «la sua ampia soddisfazione per un finanziamento ministeriale che premia brillantemente la ricerca svolta nel nostro ateneo, e che dimostra come tutti i settori accademici dell'Università di Trieste siano ampiamente competitivi. Gli efficaci risultati conseguiti, sottolineano - ha proseguito il Rettore - quanto già conoscevamo e quanto riconosciutoci da molteplici indagini nazionali ed internazionali, vale a dire la piena validità e competitività innovativa e scientifica dei docenti e dei ricercatori dell’Università di Trieste. Questi importanti finanziamenti, fungeranno da volano per ulteriori incrementi dell’appeal scientifico culturale del nostro ateneo e consentiranno di elevare, ancor di più, anche la qualità della nostra didattica universitaria, la quale non è mai disgiunta dai costanti progressi d'indagine scientifica.»