Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Alla Dott.ssa Stella Bernardi il premio Marco Attard 2019

07 Ottobre, 2019

In data 5 ottobre 2019 a Roma si è svolta la terza edizione della consegna del Premio Marco Attard.

Tale premio, istituito dall’AME Onlus e l’Italian Thyroid Cancer Observatory nello spirito di ricordare l’endocrinologo Marco Attard, scomparso prematuramente, è assegnato a un medico ricercatore (<40 anni) autore di un articolo scientifico comparso nei database internazionali avente per tema la patologia nodulare della tiroide.

La commissione giudicatrice, composta dai Prof. Cosimo Durante, Dott. Andrea Frasoldati, Dott. Piernicola Garofalo, e Dott. Enrico Papini, ha assegnato il Premio Marco Attard 2019 alla Dott.ssa Stella Bernardi, medico ricercatore (MD PhD) presso il Dipartimento di Scienze Mediche dell’Università degli Studi di Trieste e l’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste.

La sua attività clinica e di ricerca è incentrata in ambito endocrinologico, occupandosi - tra i vari temi - anche dello studio/gestione della patologia nodulare tiroidea e dei trattamenti termoablativi. Membro AME, SIE, ESE, collabora attivamente alle inziative dell’Italian minimally-invasive treatments of the thyroid (MITT) group.

Il lavoro scientifico selezionato per il Premio Marco Attard 2019 è “Patient satisfaction after thyroid RFA versus surgery for benign thyroid nodules: a telephone survey”, pubblicato sull’International Journal of Hyperthermia nel 2018.

Si tratta di uno studio cross-sectional, che nasce dalla preziosa collaborazione tra gli Istituti di Medicina Clinica, Chirurgia Generale e Radiologia, in cui è stata valutata la soddisfazione di 126 pazienti con patologia nodulare tiroidea benigna trattati con termoablazione mediante radiofrequenza e di 84 pazienti trattati chirurgicamente. I risultati dello studio dimostrano che le tecniche si equivalgono nel trattamento della patologia nodulare tiroidea benigna quando i noduli sono non funzionanti, mentre la chirurgia è superiore - e quindi andrebbe preferita - nel trattamento dei noduli iperfunzionanti.