Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Le istituzioni scientifiche regionali a sostegno dei ricercatori in fuga dalla guerra

Data evento: 
Da  17/09/201817/09/2018

L’Università di Trieste, l’Università di Udine e altri otto centri di eccellenza scientifica del capoluogo giuliano si alleano per fornire opportunità di studio e ricerca a scienziati costretti ad abbandonare il loro Paese a causa di guerre e conflitti.

L’accordo alla base dell’iniziativa sarà presentato lunedì 17 settembre durante una cerimonia che avrà inizio alle ore 10 nell’Aula Magna Paolo Budinich del Centro di Fisica Teorica “Abdus Salam”.

Il documento che sancisce il patto tra le dieci istituzioni, italiane e internazionali, riporta che esse “offriranno agli scienziati coinvolti la possibilità di arricchire le loro competenze professionali, favorire la loro integrazione e il loro sviluppo umano e professionale e incoraggeranno il loro rientro nel Paese d’origine quando le condizioni lo permetteranno”.

L’accordo è il risultato di un progetto avviato circa un anno fa dai centri di ricerca per sostenere scienziati, sociologi, medici, ingegneri e studenti costretti ad abbandonare il loro Paese di origine.

Esattamente non si sa quanti siano i ricercatori in queste condizioni, ma secondo alcune stime sono migliaia quelli che negli ultimi anni hanno abbandonato Paesi come Siria, Iraq, Yemen, Afghanistan e Venezuela. Molti si trovano adesso nei Paesi vicini come Giordania, Turchia e Colombia, mentre altri sono in Europa e Nord America. Diversi tra loro non hanno avuto la possibilità di riprendere il lavoro per la mancanza di opportunità e programmi specifici.

Trieste e il Friuli Venezia Giulia sono riconosciuti come capitale mondiale della scienza, con molti istituti impegnati nella creazione di competenze scientifiche nei Paesi in via di sviluppo. Il nuovo accordo sottolinea che le istituzioni scientifiche regionali “hanno una consolidata esperienza in science diplomacy grazie alla quale hanno acquisito un ruolo di leadership a livello internazionale”.

Di seguito le istituzioni firmatarie dell’accordo:

The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP)

La Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze (FIT)

The InterAcademy Partnership (IAP)

The International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB)

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)-Osservatorio Astronomico di Trieste

Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS)

Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA)

Università degli Studi di Trieste

Università degli Studi di Udine

The World Academy of Sciences (TWAS)