Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Scholars at Risk Network

Scholars at Risks (SAR) è una rete internazionale di università fondata nel 1999 presso l’Università di Chicago per promuovere la libertà accademica e proteggere studiosi in pericolo di vita o il cui lavoro è severamente compromesso.

SAR porta avanti tre tipi di attività:

(a) Protezione: lavora in collaborazione con le università partner per creare di borse di studio temporanee (3-24 mesi) per accademici che fanno richiesta di protezione a SAR. Il finanziamento delle borse è interamente a carico dell’università ospitante, anche se SAR promuove i contatti con fondazioni/enti finanziatori internazionali (ad esempio, lo Scholars Rescue Fund - SRF);

(b) Advocacy per sensibilizzare la società civile e politica verso casi di attacco alla libertà accademica in diversi contesti nazionali;

(c) Ricerca e formazione sui temi di diritti umani, libertà accademiche, rifugiati accademici e politiche di accoglienza di ricercatori e studenti, attraverso l’organizzazione di seminari, conference, talk series, progetti di monitoraggio, e la partecipazione a progetti Erasmus +. 

In data 19 Febbraio 2019 si è costituta la sezione Italiana di Scholars at Risk, partnership fra 21 istituzioni universitarie italiane e istituti di ricerca.

Membri SAR in Italia: Istituto Universitario Europeo, Magna Charta Observatory, Scuola Normale Superiore, SISSA-Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, Università di Bologna, Università di Brescia, Università di Cagliari, Università di Genova, Università di Firenze, Università di Macerata, Università di Milano, Università di Padova, Università di Pavia, Università di Pisa, Università di Roma La Sapienza, Università di Siena, Università di Torino, Università di Trento, Università di Trieste, Università di Verona, Università Telematica Internazionale UNINETTUNO, Università di Udine, Società Italiana delle Storiche, Scuola Superiore Sant'Anna, Scuola IMT Alti Studi Lucca, Università Ca' Foscari Venezia, Università di Catania.


Appello della rete Scholars at Risk (SAR) international per la liberazione del dottor Ahmadreza Djalali

Anche l'Università di Trieste, come numerose istituzioni italiane e internazionali si unisce alla richiesta del network SAR – Scholars at Risk, alla campagna di Amnesty International e aderisce all’appello della CRUI, per fermare l’esecuzione ed ottenere l’immediata scarcerazione del dott. Ahmadreza Djalali, ricercatore iraniano, esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria detenuto in carcere in Iran dal 25 aprile 2016. Il dott. Ahmadreza Djalali ha lavorato presso il Karolinska Institutet di Stoccolma, dove ha completato il suo dottorato, la Vrije Universiteit di Bruxelles e l’Università del Piemonte Orientale di Novara. Nel 2016, invitato dalle Università di Tehran e Shiraz per tenere alcuni seminari, viene arrestato.
Di recente è giunta la notizia alla comunità internazionale che il dott. Ahmadreza Djalali è stato trasferito in un carcere diverso da Evin e che potrebbe ancora essere trasferito presso il carcere Rajai Shahr per l’esecuzione della pena capitale.  
SAR Italia si è unita alla CRUI e alla Federazione Italiana per i Diritti Umani FIDU nelle azioni di advocacy in favore del dott. Ahmadreza Djalali e appoggia una petizione che sarà inviata all’alto commissario europeo Borrel, chiedendo una presa di posizione da parte delle istituzioni europee.
Il presidente della Crui, prof. Ferruccio Resta ha indirizzato una lettera all’Ayatollah Ali Khamenei a sostegno dell’immediato rilascio di Ahmadreza Djalali.  

Djalali

No more birthdays in prison! Join @ScholarsAtRisk and @ICHRI in calling on @HassanRouhani and @khamenei_ir to release Dr. Ahmadreza Djalali. Dr. Djalali should be celebrating his birthday with his family, not in solitary confinement.  http://ow.ly/B9Vb50D6PwD
freeahmadreza


L'Università degli Studi di Trieste ha supportato la petizione per la liberazione del dott. Patrick George Zaki

Assieme ad altri 11 atenei italiani e membri della rete Scholars at Risk - Italy, l'Università di Trieste ha sottoscritto il 13 marzo 2020 una lettera di petizione in sostegno di Patrick George Zaki, lo studente di master egiziano iscritto presso l’Università di Bologna, attualmente detenuto in Egitto. 

Dr. Zaki

Petizione SAR - CRUI in supporto a Patrick George Zaky


Petizione SAR Italia per il sostegno della Boğaziçi University Community


Appello SAR per fermare le violenze contro la comunità accademica in Bielorussia - leggi la petizione


TutorLab 4 Inclusion - Academic Tutorship - percorso formativo


 

 

Download: 
Contatti area: 
Indirizzi: 

Referenti SAR Italia all'Università di Trieste: Prof.ssa Roberta Altin, raltin@units.it.

Contatti SAR Italia: Ester Gallo (Università di Trento) ester.gallo@unitn.it;
Claudia Padovani (Università di Padova), claudia.padovani@unipd.it;
Francesca Helm (Università di Padova), francesca.helm@unipd.it.

Informazioni aggiornate al: 22/04/2021 - 08:43