Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

È mancato Luciano Lago, insigne maestro di Geografia e Storia della cartografia

21 Novembre, 2017
Stampa

È venuto a mancare Luciano Lago, già professore ordinario di Geografia nell’ex-Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Trieste.

Insigne maestro di storia della cartografia, è stato assistente alla cattedra di Geografia e dal 1967 docente di Storia della Geografia e delle Esplorazioni Geografiche nel medesimo Ateneo. Dal 1977 è stato incaricato dell’insegnamento di Geografia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia ove è stato Direttore del Laboratorio di Geografia. Dal 1980 ha occupato la cattedra di Storia della Cartografia che venne istituita nell’Ateneo triestino per la prima volta in ambito nazionale. Dal 1984 è stato Direttore dell’Istituto di Geografia e dal 1990 al 1996 del nuovo Dipartimento di Scienze Geografiche e Storiche. Dal 1988 al 2003 è stato Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, nata dalla trasformazione della Facoltà di Magistero che, sotto la sua guida, ha conosciuto una stagione di grande sviluppo, durante la quale ha raggiunto risultati di eccellenza a livello nazionale. Quale Presidente del CIFI e primo Direttore della SSIS di Trieste si è impegnato per la formazione universitaria degli insegnanti, che stava diventando una nuova mission per l’Università Italiana.

Nell’ambito scientifico è stato tra soci fondatori del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, ricoprendo il ruolo di Coordinatore centrale della sezione di Storia della Cartografia dal 1992 fino al 2007. Dal 1997 al 2001 ha ricoperto la carica di Presidente dell’Associazione dei Geografi Italiani. Ha fatto parte di numerosi sodalizi e comitati direttivi per programmi di ricerca a carattere nazionale inerenti la Geografia, la Geografia storica e la cartografia antica. Autore di numerosi contributi, saggi, e di ponderose pubblicazioni inerenti lo studio geo-cartografico della penisola italiana, del Friuli e dell’Istria, ha svolto una pregevole opera di valorizzazione del patrimonio cartografico antico attraverso la realizzazione di numerose mostre in Italia e all’estero.

Una volta conclusa la carriera accademica, dal 2004 al 2009, ha ricoperto la carica di presidente dell’Università Popolare di Trieste.

Il funerale viene celebrato martedì 21 novembre, alle ore 11.00 presso la Chiesa parrocchiale di Villa Vicentina (UD).