Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Trattamento del paziente anziano affetto da carcinoma della prostata

Data evento: 
Da  06/04/201806/04/2018

Ad Aviano primo incontro nazionale sul trattamento del paziente anziano affetto da carcinoma della prostata

Dal 6 al 7 aprile 2018 si svolgerà ad Aviano (PN) il Convegno dal titolo “Primo incontro nazionale sul trattamento del paziente anziano affetto da carcinoma della prostata”, con il patrocinio dell’Università degli studi di Trieste.

Sede del convegno sarà l’Aula Magna del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, in Via Franco Gallini, 2.

Il tumore della prostata è attualmente la neoplasia più frequente tra i maschi (20% di tutti i tumori diagnosticati) a partire dai 50 anni di età. Nel 2018 sono attesi in Italia circa 42.000 nuovi casi e in considerazione dei dati epidemiologici e del processo di invecchiamento della popolazione italiana, si tratterà per il 50 % circa di uomini anziani.

La sopravvivenza dei pazienti con carcinoma prostatico, non considerando la mortalità per altre cause, è attualmente attestata all’88% a 5 anni dalla diagnosi , una sopravvivenza per fortuna in costante crescita; il principale fattore correlato a questa tendenza temporale è dato, oltre che dall’anticipazione diagnostica e possibilità di interventi radicali negli stadi precoci della malattia, anche dalla disponibilità di farmaci e agenti terapeutici che si sono dimostrati efficaci nelle fasi di malattia avanzata. L’Italia ha fornito un importante contributo alla ricerca scientifica, impegnata nel proporre soluzioni terapeutiche sempre più all’avanguardia e rispettose della qualità di vita, ma i dati attualmente disponibili dai Registri Tumori regionali indicano che di questo vantaggio in sopravvivenza non sembra giovarsi la fascia di età più anziana, indicando la possibilità di una barriera culturale nei confronti di questa fascia di utenti (ageism). Nonostante questo, la prevalenza di uomini anziani affetti da neoplasia della prostata è comunque molto alta.

Il mondo sanitario dovrà quindi gestire una grande quantità di prodotti della ricerca scientifica e tecnologica, dai nuovi farmaci biologici, all’imaging, alle tecnologie interventistiche, alla robotica, alla gestione dei dati con la cultura e la sensibilità di selezionare ciò che è davvero importante per la cura degli anziani, senza rinunce a priori, e si dovrà necessariamente adattare ai bisogni di soggetti anziani a volte fragili, caratterizzati dalla presenza di multimorbidità, poli-farmacologia e ad elevato carico socio-assistenziale.

Per queste ragioni si è ritenuto opportuno realizzare un approfondimento sul tema della neoplasia della prostata nel paziente anziano, con l’obiettivo di analizzare criticità, opportunità di miglioramento e numerose aree di lavoro per i professionisti che a diverso titolo sono impegnati nei processi di cura e assistenza consapevoli delle dotazioni tecnico-scientifiche, ma allo stesso tempo nel rispetto dell’utente anziano e della sua famiglia.

Per informazioni e iscrizioni: Accademia Nazionale di Medicina

info.bologna@accmed.org

www.accmed.org

 

Download: