Vai al Contenuto Vai alla navigazione del sito

Nuova apertura del Museo delle Scienze Sanitarie

29 Gennaio, 2016
Stampa

Il Museo delle scienze sanitarie ha trovato la sua nuova collocazione nel Polo Tecnologico dell’Ospedale Maggiore grazie al sodalizio tra AOUTS e Sistema Museale dell’Università degli Studi di Trieste.  In questa sede il 28 gennaio scorso, è stata inaugurata la prima delle mostre di storia della medicina, dedicata al "Triage durante la prima guerra mondiale”, con strumenti originali e reperti che raccontano il primo soccorso sul campo della Grande guerra. La mostra è stata curata dalla prof.ssa Vanessa Nicolin, responsabile del Sistema museale di Ateneo per il Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e della salute dell'Università e componente del comitato scientifico, coordinato dal Prof. Paolo Quazzolo.   Il Sistema Museale di Ateneo (SmaTs) si compone di strutture museali e collezioni costituitesi nel corso degli anni presso le varie Facoltà - poi Dipartimenti - dell'Università triestina, spesso frutto di acquisizioni o preziose donazioni, che testimoniano la storia e il percorso scientifico e culturale di un'intera comunità.

Alla cerimonia hanno partecipato la Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, il Direttore del Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e della salute dell'Università, prof. Roberto Di Lenarda, e il Commissario Straordinario di AOUTS, dott. Nicola Delli Quadri. Sono intervenuti anche l’Assessore regionale alla Sanità, dott.ssa Maria Sandra Telesca e il prof. Francesco Schittulli, Presidente LILT Nazionale e noto senologo-chirurgo oncologo, nonché componente del Consiglio Superiore di Sanità.

Il Museo delle Scienze Sanitarie, inaugurato nel 2010 nell'Ospedale di Cattinara e ora trasferito al piano interrato del Polo Tecnologico, ripercorre la storia della sanità triestina dalla fondazione dell’Ospedale Maggiore di Trieste, già Ospedale Civico (1841, Imperial-Regio Ospedale Generale), alla prima meta del ‘900. La collezione rappresenta l’evoluzione materiale avvenuta nella scienza medica: riunisce infatti strumenti e oggetti recuperati al momento della dismissione dei vari ospedali cittadini, oppure oggetto di dono da parte di enti pubblici o privati. La proprietà è dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria.

Il trasferimento delle collezioni sanitarie da Cattinara al Polo Tecnologico dell'Ospedale Maggiore comporta anche una concezione più dinamica del Museo, le cui vetrine sono collocate in un luogo di forte passaggio e periodicamente saranno allestite su argomenti diversi di storia della medicina, rinnovando così l'offerta museale al pubblico. La prof.ssa Vanessa Nicolin, istologa, ha curato l'allestimento dei materiali espositivi al Polo Tecnologico dell'Ospedale Maggiore di Trieste, partendo dal filo conduttore del "Triage durante la prima guerra mondiale”, con strumenti originali, reperti, fotografie d'epoca che raccontano il primo soccorso sul campo della Grande guerra, ma anche la storia dell'anestesiologia e della disinfezione. Ha ricostruito una trincea carsica, con simulazioni dei primi avamposti medici di soccorso, di quelli di secondo e di terzo grado e della strumentazione usata negli ospedali. Tra gli strumenti non solo barelle e bisturi, ma anche magneti per rimuovere le schegge delle granate e un'apparecchiatura radiologica avanzatissima per i tempi in cui Marie Curie, che aveva ottenuto il Nobel nel 1911, girava i campi di battaglia come radiologa dei soldati feriti, continuando le sue ricerche e formando medici e infermieri.

 

Il Sistema Museale di Ateneo (SmaTs) si compone di una serie di strutture museali e collezioni costituitesi nel corso degli anni presso le varie Facoltà - poi Dipartimenti - dell'Università triestina, spesso frutto di acquisizioni o preziose donazioni, che testimoniano la storia e il percorso scientifico e culturale di un'intera comunità. Scopo del Sistema Museale è quello di evitare la dispersione dei materiali e degli strumenti di ricerca utilizzati nel tempo, così come la conservazione degli archivi e delle opere d'arte, spesso frutto di donazioni o lasciti, curandone la catalogazione e la diffusione presso il grande pubblico.

Allo SmaTs fanno capo il Museo delle Scienze Sanitarie, collocato presso il Dipartimento clinico di Scienze mediche, chirurgiche e della salute; il Museo di Mineralogia e Petrografia, al Dipartimento di Matematica e Geoscienze; la raccolta di apparecchiature di biochimica, presso il Dipartimento di Scienze della vita, il Fondo Finzi al Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'Interpretazione e della Traduzione; e l'Archivio degli Scrittori e della Cultura Regionale, che ha sede presso il Dipartimento di Studi Umanistici.

Numerosi i volumi sulla storia della medicina e sulla sanità a Trieste pubblicati dalla casa editrice di Ateneo, EUT Edizioni Università di Trieste, curate dagli artefici del primo polo espositivo a Cattinara: il prof. Euro Ponte, eminente studioso e storico della medicina, e il dott. Mario Nicotra, appassionato cultore della materia.

Per informazioni:

http://www.smats.units.it